Articles and news

Fine di un contratto di locazione commerciale

Un contratto di locazione commerciale è un contratto. Termina alla data concordata dall’inquilino e dal proprietario. In alcuni casi, il proprietario o l’inquilino può terminare il contratto di locazione in anticipo. In altri casi, il contratto di locazione può continuare dopo la data concordata.

L’inquilino vuole lasciare prima della fine del contratto di locazione

L’inquilino può assegnare loro contratto di locazione, sublocazione locali o d’accordo con il padrone di casa per terminare il contratto di locazione in anticipo.

  • Subaffitta o assegna il contratto di locazione. Il contratto di locazione può prevedere una procedura specifica per farlo. Generalmente, l’inquilino deve notificare al proprietario che desidera assegnare o subaffittare i locali. L’avviso deve contenere informazioni quali il nome e l’indirizzo della persona a cui l’inquilino vuole subaffittare o assegnare il contratto di locazione.

Stai attento! Il contratto di locazione può vietare al locatario di subaffittare o assegnare il loro contratto di locazione. Può anche consentire al proprietario di rifiutare l’assegnazione o il sub-leasing per qualsiasi motivo, a loro scelta.

  • Concordare con il padrone di casa per terminare il contratto di locazione. L’inquilino può discutere di questo con il padrone di casa. Il proprietario può accettare o rifiutare di terminare il contratto di locazione prima della data concordata.

Un inquilino che non può subaffittare o cedere il contratto di locazione, o che non è in grado di concordare con il proprietario, deve continuare a onorare il loro contratto di locazione. Devono pagare l’affitto e i servizi fino alla fine del contratto di locazione.

Il proprietario può citare in giudizio un inquilino che lascia i locali prima della fine del contratto di locazione e smette di pagare l’affitto. Il proprietario può chiedere danni come l’affitto non pagato fino a quando non trovano un nuovo inquilino. Potrebbero anche chiedere di essere rimborsati per il costo del ripristino dei locali.

Il proprietario può costringere un inquilino a lasciare prima della fine del contratto di locazione

In alcune situazioni, il proprietario può decidere di terminare il contratto di locazione prima della data concordata.

Il locatario non adempie ai propri obblighi

Il locatore può chiedere al tribunale di terminare il contratto di locazione se il locatario non adempie ai propri obblighi e ciò causa al locatore un grave danno. Ad esempio, se l’inquilino è in ritardo sull’affitto o non mantiene correttamente i propri locali.

Il contratto di locazione può anche prevedere situazioni in cui il locatore può automaticamente terminare il contratto di locazione se l’inquilino non adempie ai loro obblighi.

La proprietà viene venduta

Se il proprietario vende la proprietà in cui si trovano i locali, il nuovo proprietario ha generalmente il diritto di terminare il contratto di locazione.

Non ha bisogno di avere alcuna ragione specifica. Il nuovo proprietario deve rispettare solo determinati limiti di tempo. Devono terminare il contratto di locazione entro 12 mesi dall’acquisto della proprietà. Essi devono anche inviare l’inquilino un avviso 6 mesi prima della fine del contratto di locazione.

Tuttavia, il nuovo proprietario non può terminare il contratto di locazione in anticipo se:

  • 12 mesi o meno rimangono sul contratto di locazione quando la proprietà viene acquistata.
  • Il contratto di locazione termina in più di 12 mesi ed è registrato al catasto. L’inquilino può pubblicare (“registrare”) il proprio contratto di locazione presso il catasto per proteggere i propri diritti.

Stai attento! Se il contratto di locazione è a tempo indeterminato, il che significa che non ha una data di fine, la pubblicazione presso l’ufficio del registro non impedisce a un acquirente di essere in grado di terminarlo.

  • Il nuovo proprietario ha concordato con l’ex proprietario (il venditore) di non terminare il contratto di locazione. Questo tipo di accordo si trova generalmente nell’atto di vendita.
  • Sono al di fuori del limite di tempo per terminare il contratto di locazione. Calcolare i limiti di tempo può essere complicato. È meglio consultare un avvocato o un notaio per scoprire se il nuovo proprietario ha seguito la procedura.

L’inquilino ha continuato ad occupare i locali alla fine del contratto di locazione

Il proprietario può costringere un inquilino a lasciare i locali alla fine del contratto di locazione se l’inquilino continua ad occuparli. Il contratto di locazione può anche prevedere che l’inquilino deve pagare una penale significativa per ogni giorno che occupano i locali dopo il contratto di locazione è terminata.

In alcuni casi, il contratto di locazione può essere rinnovato piuttosto che terminare alla data concordata. Qui ci sono due casi.

Il contratto di locazione include una clausola “opzione da rinnovare”

Questa clausola consente al locatario di rinnovare facilmente il contratto di locazione al termine. Questo evita di dover rinegoziare tutto o parte del contratto di locazione. Questa clausola può prevedere un aumento dell’affitto.

Il contratto di locazione è terminato ma l’inquilino e il proprietario non hanno discusso il contratto di locazione

Il contratto di locazione può dire cosa succede in questo tipo di situazione. Se il contratto di locazione non dice nulla, la legge prevede che il contratto di locazione viene rinnovato automaticamente se:

  • 10 sono passati giorni dalla fine del contratto di locazione e
  • il proprietario non ha chiesto all’inquilino di lasciare i locali.

Se il contratto iniziale era di uno o più anni, viene rinnovato per un anno. Se il contratto di locazione iniziale è stato per meno di un anno, si rinnova per lo stesso periodo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.