Articles and news

Curatori e Tutor

Questa divisione dell’ufficio del Master supervisiona l’amministrazione degli affari di persone la cui proprietà è, per vari motivi descritti in questa sezione, sotto il controllo di un’altra persona chiamata curatore o tutor. Clicca sui link sottostanti per maggiori informazioni su vari aspetti.

Il nuovo Mental Health Care Act 17 del 2002 è stato promulgato il 15 dicembre 2004. La nuova legge sostituirà quella del 1973. La nuova legge è entrata in vigore immediatamente a partire da mercoledì 15 dicembre 2004.

Le varie nomine di cui sopra e i requisiti per ciascuna nomina saranno trattati separatamente.

Curatori

La sezione Curatoria è una divisione all’interno del Master of the High Court.La funzione principale della sezione è quella di fornire servizi efficienti, convenienti e specializzati di supervisione in tenute di minori e persone con problemi mentali in Sud Africa. La Sezione Curatela assiste una grande varietà di persone provenienti da tutti i ceti sociali, vale a dire. minori, persone incapaci di gestire i propri affari-come-Persone con lesioni cerebrali, cioè un incidente automobilistico o un ictus; disabilità intellettive; malattie mentali, demenza; morbo di Alzheimer, ecc.Questa sezione supervisiona l’amministrazione delle proprietà in cui sono presentate le domande per nominare un Curatore Bonis; Curator Personae; e amministratori in termini di legge sulla salute mentale; Tutor per i minori, così come Curatore Bonis in materia di confisca dei beni.

Ci sono due procedure in termini di cui qualcuno può essere nominato per amministrare il patrimonio di una persona che si trova ad essere incapace di gestire i propri affari. Queste procedure sono la procedura di common law per la nomina di un curatore che richiede una domanda all’Alta Corte e la procedura per la nomina di un amministratore come stabilito nel Mental Health Care Act, 17 di 2002.

DIRITTO COMUNE: nomina di un curatore Bonis in termini di diritto comune:

L’Alta Corte può dichiarare una persona incapace di gestire i propri affari e può nominare un curatore della persona e/o della proprietà di tale persona. La procedura per questa domanda è stabilita dall’articolo 57 del Regolamento uniforme della High Court.

Qualsiasi persona che desideri presentare una domanda al tribunale per un ordine che dichiari un’altra persona incapace di gestire i propri affari e nomini un curatore per la persona o la proprietà di tali persone deve prima rivolgersi al tribunale per la nomina di un curatore-ad-Litem.

APPLICAZIONE MENTAL HEALTH CARE ACT:

In termini di Mental Health Care Act il Maestro dell’Alta Corte può in considerazione e l’elaborazione della domanda prescritta, nominare un amministratore per gestire la proprietà di una persona che è stata diagnosticata positivamente come malato di mente o di una persona con disabilità intellettiva grave o profonda.

La differenza tra le due applicazioni sono il common law applicazione è applicabile a qualsiasi situazione in cui la persona diventa incapace di gestire il suo/ suoi propri affari, considerando che questa applicazione può essere utilizzata solamente se la persona ha una malattia mentale o un grave o profonda disabilità

POTERI E RESPONSABILITÀ DEL CURATORE E AMMINISTRATORE:

poteri del Curatore Bonis e di un amministratore è quello di amministrare il patrimonio di una persona che è incapace, quali per esempio:

  • Per ricevere, prendere la cura, la gestione e l’amministrazione di tutti i beni;
  • per continuare/o di sospendere, ai sensi di qualsiasi legge applicabile, qualsiasi attività commerciale, imprenditoriale o di impresa;
  • per acquisire, tramite acquisto o in caso contrario, i beni, mobili o immobili, per il beneficio del patrimonio; e
  • per applicare i soldi per la manutenzione, supporto o verso il beneficio della persona; di investire o di re-investire i fondi etc.

Questi poteri sono solitamente soggetti al previo consenso e approvazione del Comandante.

CONTI

Il Curatore Bonis e l’amministratore sono obbligati a depositare un conto amministrativo annuale presso il Maestro, che stabilisce le entrate, le spese e il valore del patrimonio patrimoniale del patrimonio. Il Maestro scrutare questi conti per verificare le entrate, le spese e le attività di capitale e per garantire che se la sicurezza è fornita è modificato in base al valore della tenuta.

TASSE

Le tasse di un curatore Bonis e amministratore sono prescritti nella Administration of Estates Act. È del 6% sul reddito annuo della proprietà e del 2% sul valore del patrimonio patrimoniale della proprietà al termine della Curatela. Il Comandante può tuttavia ridurre, non consentire o aumentare le tasse se esistono motivi particolari.

NOMINA DI UN CURATORE PER UNA PERSONA ASSENTE:

A volte capita che una persona scompaia senza lasciare traccia, lasciando proprietà che devono essere curate. Anche se la persona può lasciare i familiari o gli amici dietro, sono per legge in grado di amministrare i beni appartenenti alla persona scomparsa, a meno che non siano autorizzati in termini di sezione 73 dell’Amministrazione delle proprietà per amministrare i beni come curatore.

Se viene a conoscenza del Maestro che qualsiasi assente è il proprietario di una proprietà nella Repubblica del Sud Africa, e lui è soddisfatto che la suddetta proprietà deve essere curato o amministrato per conto del assente, egli può nominare un Curatore Dativo. La nomina di un curatore è di solito avviata da una parte interessata che presenta una domanda scritta al Master.

Requisiti per un appuntamento:

  • Domanda scritta al Master;
  • Un inventario preliminare – modulo J243 che riflette il patrimonio del assente;
  • Nomine di una persona idonea da nominare come curatore, da parte delle parti interessate (queste nomine sono di solito ottenute durante una riunione convocata dal Master per questo scopo);
  • Impresa e il vincolo di protezione – modulo J262 dal nominato curatore
  • Domanda per la nomina a curatore – forma J197

CESSAZIONE DELLA CURATELA QUESTIONE:

UNA Curatela è di solito interrotta per la morte di una persona che è stata dichiarata incapace di gestire il suo/suoi propri affari, ma la persona sotto curatela può applicare anche alla High Court per essere rilasciato sotto la Curatela, se le circostanze lo consentono, ad esempio, la persona che ha notevolmente recuperato da un ictus o una lesione cerebrale etc. Si tratta di una domanda alla High Court e il processo è prescritto nella regola 57 delle regole uniformi High Court.

CESSAZIONE DELL’AMMINISTRAZIONE IN TERMINI DI LEGGE SULLA SALUTE MENTALE:

Se una persona nei confronti della quale è stato nominato un amministratore ai sensi del Mental Health Care Act si riprende dalla sua malattia mentale in misura tale da essere nuovamente in grado di gestire i propri affari, tale persona o l’amministratore o il richiedente possono chiedere al Maestro dell’Alta Corte ai sensi della sezione 64 del Mental Health Care Act di porre fine all’amministrazione.

NOMINA DI UN CURATORE BONIS IN MATERIA DI CONFISCA DEI BENI:

Un Curatore Bonis sono nominati in queste materie per sequestrare e amministrare i beni fino a quando la questione è finalizzata.

Il Master assiste con la nomina di un Curatore Bonis e la tassazione del suo compenso quando la questione è stata finalizzata.

In termini di Prevenzione della Criminalità Organizzata Atto, 121 del 1998, l’Alta Corte può emettere un’ordinanza che autorizza il sequestro di beni sottoposti a un sistema di ritenuta o di ordine di conservazione, o di emettere un ordine di confisca dei beni, in cui la corte è convinta che vi siano ragionevoli motivi per ritenere che i beni in questione, o i proventi, è stato derivato, ricevuti o conservati, direttamente o indirettamente, in connessione con, o come risultato di qualsiasi attività illecita.

Se il tribunale ha autorizzato il sequestro di tali beni da parte dell’Unità di confisca dei beni, nomina un curatore per amministrare i beni. Il curatore nominato, tuttavia, non ha l’autorità di agire come tale fino a quando non sia debitamente autorizzato dal Maestro. L’autorizzazione assume la forma di lettere di nomina rilasciate dal Comandante.

Requisiti per un appuntamento:

  • Copia dell’ordine del tribunale;
  • Un inventario-modulo J243 che riflette i beni da amministrare
  • Impresa e cauzione – modulo J262 dal curatore nominato dal tribunale;
  • Domanda di nomina a curatore – modulo J197.

Tutors

Un tutor o curatore può anche essere nominato sopra la tenuta di un minore, se necessario. Un bambino o un minore è definito nell’atto dei bambini come una persona di età inferiore ai 18 anni.

In termini di sezione 17 della legge un bambino, maschio o femmina, diventa maggiore al raggiungimento dell’età di 18 anni. La regola generale è che i minori sono disabili in quanto la legge non li considera in grado di gestire i propri affari. In circostanze normali sono i genitori del minore, che sono anche i tutori naturali del minore, che supervisionano gli affari del minore e lo assistono legalmente se necessario, ma a volte può accadere che un minore non abbia un tutore naturale (ad esempio quando entrambi i genitori sono deceduti) e che nessuna responsabilità e diritti genitoriali siano stati concessi a qualsiasi altra persona in un Testamento valido.

Se la proprietà del minore è costituita da denaro e investimenti, può essere depositata nel Fondo del Tutore, nel qual caso non è richiesto alcun tutore o curatore della proprietà del minore, sebbene possa essere necessario un tutore o tutore per prendersi cura della persona del minore.

Va tuttavia notato che il Maestro non ha il potere di nominare un tutore o tutore sulla persona di un minore. Solo l’Alta Corte può farlo.

Chi può nominare o nominare un Tutor?

bisogna distinguere tra tre scenari, vale a dire

  • testamentario nominato tutor;
  • corte ha nominato tutor; e
  • Tutore dativo, nominato dal Master

anche se un tutor può essere nominato o designato dal si o dal giudice, il candidato/incaricato non ha alcuna autorità per agire come tutor fino debitamente autorizzati dal Master. L’autorizzazione assume la forma di lettere di nomina rilasciate alla persona designata.

I tre scenari di cui sopra e i requisiti per ciascuna nomina saranno trattati individualmente.

Tutore nominato testamentario

Un genitore o tutore di un minore può nominare una persona da nominare come tutore sui beni e la persona di un minore nel suo Testamento.Il tutor nominato deve presentare domanda al Master per essere nominato, dopo la morte del genitore/i o tutore.

Solo le seguenti persone possono validamente nominare un tutore nel loro testamento:

  • L’unico tutore naturale (genitore superstite) di un minore legittimo, che non sia stato privato della sua tutela su tale minore dal tribunale.
  • La madre di un minore illegittimo, che non è stato privato dal Tribunale della tutela di tale minore.
  • Il genitore a cui è stata concessa la tutela esclusiva del minore dal tribunale.

Requisiti per un appuntamento

  • La volontà in cui il tutor è stato nominato deve essere debitamente registrata e accettata dal Master;
  • Un inventario preliminare – modulo J243 che riflette il patrimonio del minore;
  • Una dichiarazione del tutor nominato in cui dichiara che la persona che lo ha nominato nel testamento era legalmente competente a farlo;
  • Impegno e vincolo di sicurezza – modulo J262 dal tutor nominato, a meno che il tutor non sia stato esentato dal fornire sicurezza nel testamento.
  • Domanda di nomina a tutor-modulo J197.

Beni immobili di un minore

Nessun tutore naturale o tutore o curatore può alienare o ipotecare qualsiasi bene immobile appartenente a un minore, a meno che non sia autorizzato dal Tribunale o dal Maestro.

Il Comandante può prendere in considerazione le domande in cui la quota del minore nel bene immobile è R250 000.00 o meno. Sopra questo importo richiede una domanda all’Alta Corte.

Tutore nominato dal tribunale

Il tribunale come tutore superiore di tutti i minori può nominare una persona come tutore di un minore per prendersi cura della persona del minore e amministrare la proprietà del minore.

Di solito è una parte interessata che ha presentato la domanda in tribunale a titolo di avviso di mozione. Al ricevimento della domanda il tribunale di solito nomina un curatore-ad-litem per proteggere gli interessi del minore e per indagare sul merito della domanda. Sia il curatore-ad-litem che il Maestro devono presentare relazioni al tribunale

Una volta che il tribunale ha accolto la domanda e nominato un tutor, il Maestro deve dare effetto all’ordine del tribunale emettendo lettera di tutoraggio e quindi autorizzando il tutor nominato ad agire.

Requisiti per un appuntamento:

  • Una copia della domanda in tribunale insieme alle relazioni del curatore-ad-litem e del Maestro;
  • L’ordine del tribunale che nomina il tutor;
  • Un inventario preliminare-modulo J243, che riflette i beni del minore;
  • Impegno e vincolo di garanzia – modulo J262 da parte del tutor nominato, a meno che il tutor non sia stato esonerato dal fornire la sicurezza dal tribunale.
  • Domanda di nomina a tutor-modulo J197.

Tutore dativo nominato dal Master

Se si tratta di conoscenza del Maestro che minore è il proprietario della proprietà nella Repubblica del Sud Africa, che non è sotto la cura di ogni custode, tutore o curatore, e lui è soddisfatto che la proprietà deve essere curato o amministrati per conto del minore, può nominare un tutore dativo. (Il Maestro non può nominare un tutore dativo sulla persona di un minore.)

La nomina di un tutor dativo è solitamente avviata da una parte interessata che presenta una domanda scritta al Master.

Requisiti per un appuntamento:

  • Applicazione al Master;
  • Un preliminare di inventario – forma J243 che riflette il patrimonio del minore;
  • Nomine di una persona idonea ad essere nominato come tutor parenti più prossimi del minore (queste nomine sono di solito ottenuti nel corso di una riunione convocata dal Maestro per questo scopo);
  • Impegno e garanzia – modulo J262 da parte del tutor designato;
  • Domanda di nomina a tutor – modulo J197.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.